Figure mitologiche irlandesi

leprecauni1

Il leprechaun (a volte reso in italiano con leprecauno, leprecano, lepricauno o lepricano) è una sorta di gnomo tipico del folklore e della mitologia irlandese. La forma leprechaun del nome è la resa in inglese del termine irlandese leipreachán. Il sostantivo è talvolta tradotto in italiano con gnomo irlandese o, più genericamente, folletto.
Ci sono diverse teorie sull’etimologia del nome.

  • Una delle maggiormente accreditate dice che deriva dal gaelico moderno, dove la parola leipreachán significa “piccolo spirito”, a sua volta derivato da luchorpán, cioè “spiritello acquatico”. Si ritiene che quest’ultima parola significhi anche “mezzo corpo” o “piccolo corpo” in quanto sono considerati come parzialmente fisici e parzialmente spirituali (questa è l’etimologia accettata dal Collins English Dictionary).
  • Un’alternativa (data dall’Oxford English Dictionary) lo fa derivare da leath bhrógan, cioè “ciabattino”, perché queste creature sono spesso rappresentate nell’atto di riparare scarpe e sono considerate “calzolai fatati” d’Irlanda.
  • Un’altra provenienza del termine potrebbe essere da luch-chromain, “piccolo storpio Lugh”, dove Lugh è il nome del capo del mitico popolo gaelico dei Túatha Dé Danann.

La parola “Leprechaun” compare per la prima volta nella lingua inglese nel 1604 nell’opera di Thomas Middleton e Thomas Dekker The Honest Whore, come lubrican. Nell’opera stava a indicare un tipo di spiritello anche se non era strettamente legato alla mitologia irlandese.
I leprechaun sono considerati parte del “popolo delle fate” e la tradizione vuole che abitassero l’isola prima dell’arrivo dei Celti e per questo sono spesso associati a luoghi dove sono presenti come i cosiddetti “anelli magici”, luoghi spesso caratterizzati dai ruderi di costruzioni di epoca pre-celtica.
Nell’iconografia classica vengono rappresentati come uomini anziani, dediti alle burle e agli scherzi. Si dice che non possano scappare se li si guarda fissi, ma se ci si distrae svaniscono immediatamente. Sono spesso dipinti come creature innocue e schive, che vivono in solitudine in località sperdute, sebbene alcuni credano che vivano in compagnia di altri spiritelli. Il loro passatempo è costruire scarpe per il popolo delle fate e per sé stessi. Nonostante siano esseri sostanzialmente solitari, si ritiene che siano capaci di ottima conversazione.

Tra le credenze più diffuse c’è quella secondo cui, come gli gnomi, siano estremamente ricchi e che siano soliti occultare tesori in località nascoste, rivelate solo a coloro che riescono a catturare e interrogare il leprechaun con domande specifiche. Si dice che abbiano numerosi tesori seppelliti durante i periodi di guerra. Se catturati, spesso acconsentono a rivelare l’ubicazione delle loro ricchezze, ma in seguito trovano il modo di confondere chi ha ottenuto questa informazione e salvare il proprio oro in extremis. All’occasione, infatti, sanno essere subdoli e scaltri, con una mente acuta: molti racconti presentano storie di eroi umani superati in arguzia da queste creature. In Irlanda sostengono che, quando in cielo appare un arcobaleno, a una delle sue basi sia sepolto uno dei loro tesori. Un modo come un altro per dire che questi tesori sono introvabili.

Alcune storie comuni sono le seguenti:

– un contadino (o un ragazzo) cattura un leprechaun e lo obbliga a rivelargli la posizione del tesoro nascosto. Il leprechaun gli assicura che il tesoro è seppellito in un campo dietro una particolare pianta. Il contadino lega un nastro rosso alla pianta e strappa alla creatura la promessa che non toglierà il nastro, poi va a prendere un badile. Al suo ritorno, vede che ogni albero nel campo ha un nastro identico, rendendo impossibile il recupero del tesoro.

– una ragazza trova un leprechaun e ottiene di sapere dove si trova il tesoro. Lo prende in mano e si fa guidare sul posto, ma all’improvviso sente un rumore alle sue spalle. Il leprechaun le urla di scappare, perché è inseguita da un nugolo di vespe, ma appena la ragazza si volta, lo spiritello sparisce nel nulla.
In altre storie si dice che cavalchi i cani da pastore nella notte, lasciandoli stremati e sporchi la mattina dopo.

Il leprechaun in origine aveva diverse caratteristiche a seconda della zona di provenienza delle opere. Prima del XX secolo era solitamente vestito di rosso, non di verde. Altra caratteristica tipica dei leprechaun è la borsa che portano a tracolla, che contiene un unico scellino che ricompare subito dopo essere stato speso.
Appaiono raramente nelle fiabe, e in quasi tutti i casi queste storie si incentrano su un eroe umano. Le storie sui leprechaun sono solitamente corte e collegate a particolari nomi e zone geografiche. Sono state tramandate per mezzo orale, e si caratterizzano per essere solitamente legate a situazioni informali, nonostante permanga una certa ritualità in questo tipo di racconti.
Opere che trattano di queste figure sono:

  • Artemis Fowl, di Eoin Colfer
  • American Gods di Neil Gaiman
  • Il testo originale di Herminie Templeton Kavanagh, su cui è stata basata Darby O’Gill and the Little People
  • La trilogia di Alosha, di Christopher Pike
  • Harry Potter e il calice di fuoco, di J. K. Rowling, i Leprechaun (chiamati Lepricani nella versione italiana) sono le mascotte della nazionale irlandese di Quidditch e sono descritti come “omiciattoli con la barba e grembiuli rossi”.
  • Nel libro de Le Cronache di Arthur Spiderwick è presente un Leprechaun, di nome Allister Sassofrasso.

(fonte: Wikipedia)

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Blog friends e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.