Ciambelle fritte di nonno Paolo

Difficoltà:❤

Ingredienti (per 10-12 ciambelle):

500 gr di farina 0
5 cucchiai di zucchero semolato
30 gr di lievito madre essiccato
20 gr di burro ammorbidito
50 ml di acqua calda
1 lt di olio di semi di arachidi
scorza grattugiata di un limone
un pizzico di sale fino
cannella macinata

In una ciotola capiente mettete la farina,lo zucchero,
la scorza di limone,un pizzico di sale,cannella a piacere,
il burro ammorbidito e aggiungete poco alla volta l’acqua
in cui avrete sciolto il lievito,sempre impastando finché
non otterrete una palla di pasta soda e liscia,che farete
riposare in luogo caldo per 2 ore coperta da un canovaccio.
Predisponete un piano leggermente infarinato e un piatto
coperto con carta da cucina,riempite una padella a bordi
alti con l’olio di arachidi e fatelo scaldare fino a
raggiungere la temperatura:a questo punto infarinatevi
leggermente le mani e prendete man mano una parte di pasta,
da cui dovrete ricavare un salsicciotto lungo 12-13 cm di
cui unirete le due estremità,facendo un buco al centro e
posando via via sul piano.
Formate le ciambelle e via via andate a friggerle fino a
dorarle da tutti i lati,aiutandovi con un bastoncino di
legno nel buco per non farlo chiudere:adesso passate le
ciambelle ancora calde in una ciotola con zucchero semolato,
rigirandole ben bene.
Saranno un’ottima merenda sfiziosa oppure una buona colazione 🙂

Questa voce è stata pubblicata in Fritti, Ricette e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.