Sogno di un fungo di fine inverno

sogno di un fungo di fine inverno

Difficoltà:❤

Ingredienti (per 4 persone):

500 gr di fettuccine fresche all’uovo
500 gr di funghi misti (anche congelati)
2 piccoli scalogni
3 cucchiai di crema ai funghi porcini
50 ml di panna da cucina
20 gr di burro
50 gr di parmigiano grattugiato
pepe nero macinato al momento
sale fino

Sfogliate gli scalogni e tagliateli a fettine sottili,
metteteli in un’ampia padella (30 cm di diametro)
assieme al burro e un’abbondante macinata di pepe.
Fate stufare dolcemente,
quindi aggiungete i funghi freschi (o decongelati)
e saltate in padella per qualche minuto.
Abbassate la fiamma e cuocete incoperchiati per 15 minuti.
Aggiungete adesso la crema di porcini e la panna,
rimestate a fuoco spento e mettete poi
a bollire una pentola capace con acqua
e poco sale grosso.
Appena bollirà cuocete le fettuccine al dente,
scolatele e unitele al condimento in padella,
fate saltare per qualche minuto a fuoco vivo,
spegnete e aggiungete il parmigiano.
Mescolate con cura e servite subito 🙂
Se lo gradite,potete aggiungere altro parmigiano
e pepe per ogni commensale.

Questa voce è stata pubblicata in Primi piatti, Ricette e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Sogno di un fungo di fine inverno

  1. ricettedacoinquiline ha detto:

    Che nome meraviglioso! E piatto allettante 😀

  2. Natale Pace ha detto:

    Quest’inverno quando andrò a cercarli i porcini nel mio Aspromonte mi ricorderò di te e della tua ricetta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.