Sformato di paccheri al forno

paccheroinpiedi.jpg

Difficoltà: ❤

Ingredienti (per 4 persone):

400 gr di paccheri
250 gr di salsiccia luganega
200 gr di piselli (anche congelati)
un piccolo scalogno
100 gr di mozzarella
50 gr di parmigiano grattugiato
30 gr di tumazzu di vacca col pepe grattugiato
pangrattato
peperoncino secco in pezzi
olio evo
sale fino

Cuocete la pasta in acqua moderatamente salata,
scolatela e raffreddatela sotto un getto di acqua fredda.
Preparate una teglia abbastanza capiente, oliatela
e spolverizzatela di pangrattato anche ai bordi.
Posizionate i paccheri in piedi,uno accanto all’altro,
in modo più aderente possibile.
Intanto in una padella avrete messo un filo d’olio,
lo scalogno tritato, un po’ di peperoncino
e la salsiccia sbriciolata.
Fate rosolare uniformemente ed aggiungete i piselli,
aggiustate di sale ed incorporate un bicchiere d’acqua calda.
Quando il tutto sarà cotto,
versate un po’ di composto in ogni pacchero,
con l’aiuto di un cucchiaino,
pigiando bene all’interno il ripieno.
Terminate l’operazione tappando con qualche dadino
di mozzarella il pacchero,
spolverizzate il timballo coi formaggi
(anche con la mozzarella ed il sugo che vi avanza),
distribuendo il tutto in modo omogeneo .
Cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per 20-25 minuti,
finché i formaggi si scioglieranno formando una crosticina dorata.
Servite subito 🙂

Questa voce è stata pubblicata in Pizza sformati e pane, Ricette e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.